Bird House

Adotta un nido e dai riparo agli uccelli selvatici in cerca di un rifugio sicuro.

Stiamo costruendo e installando nidi artificiali per sostenere la biodiversità e dare rifugio agli uccelli selvatici in zone con ridotta copertura vegetale, eccone alcuni:

Hugo

Codice: B2H1SP01

Scopri di più

Sepúlveda

Codice: B2H1SP02

Scopri di più

Montale

Codice: B2H1SP03

Scopri di più

Neruda

Codice: B2H1SP04

Scopri di più

Blake

Codice: B2H1SP05

Murakami

Codice: B2H1SP06

Dickinson

Codice: B2H1SP07

Angelou

Codice: B2H1SP08

Claudel

Codice: B2H1SP09

Yourcenar

Codice: B2H1SP10

Hugo

Codice: B2H1SP01

Sepúlveda

Codice: B2H1SP02

Montale

Codice: B2H1SP03

Neruda

Codice: B2H1SP04

Blake

Codice: B2H1SP05

Perché i nidi artificiali?

La costruzione e apposizione di nidi artificiali offre ospitalità e protezione agli uccelli nel momento più delicato e importante della loro esistenza, la nidificazione. L’impiego di nidi artificiali fronteggia la crescente diminuzione di habitat naturali e offre un’occasione per la buona riuscita della nascita delle nuove generazioni.

Un nido artificiale può essere realizzato in forme e materiali diversi. A seconda delle specie che popolano l’area andrà realizzata una tipologia di nido, con specifiche dimensioni, tipo di apertura di accesso ma anche posizione e altezza a cui viene installato.

I nidi artificiali più tipici per le piccole specie di uccelli che frequentano boschi, campagne e città sono detti a “cassetta postale”. Questo tipo di nido ha un coperchio apribile e un foro d’ingresso.
Le cassette chiuse sono adatte a ospitare Cinciallegre, Cinciarelle, Passeri d’Italia, Storni, Picchi e altri uccelli che solitamente nidificano in cavità naturali.

Altri uccelli, come il Pettirosso, la Ballerina bianca, il Codirosso, e il Merlo, prediligono gli spazi aperti e utilizzano solo nidi artificiali a “cassetta aperta”.

Timeline delle attività

Le nostre attività di cura e manutenzione dei nidi rispetteranno il ciclo riproduttivo, senza disturbare gli uccellini durante la nidificazione e la cova.

INVERNO

In questa stagione la coppia adulta di uccellini (generalmente il maschio) ispezionano la zona in cerca di una cavità o un nido dove poter nidificare.

Il nido è stato posizionato a fine autunno in un luogo riparato e tranquillo.

PRIMAVERA

Dopo la formazione della coppia,
gli uccelli iniziano a trasportare materiale per imbottire la cavità. Quando il nido è “pronto” la femmina inizia la fase di cova.

Quando si avverte che è in atto l’incubazione, bisogna evitare in alcun modo di disturbare il nido altrimenti si potrebbe indurre gli adulti ad abbandonare nido e covata.

ESTATE

Dopo la schiusa delle uova e la nascita dei pulcini, i giovani vengono nutriti prima del loro involo e dell’indipendenza.

Anche in questa fase bisogna non disturbare l’attività degli uccelli presso il nido, un disturbo può far propendere gli adulti a non usare più quel nido per il futuro.

AUTUNNO

A fine estate, dopo la riproduzione, il nido può essere rimosso, pulito e poi reinstallato in autunno.

Inoltre, per aiutare i piccoli uccelli a sopravvivere all’arrivo del freddo e alla generale scarsità di cibo della stagione invernale, si possono costruire delle mangiatoie artificiali da installare all’inizio dell’inverno.

* Registrandoti accetti l’utilizzo dei tuoi dati in conformità con la nostra privacy policy.