Seleziona una pagina

Dai diamanti non nasce niente…

10 Apr 2020 | Su Piantando

…Dai vasi rotti nascono insegnamenti. Tutti gli errori che ci stanno aiutando a crescere.

Quante volte avete visto un’impresa pubblicare con orgoglio le foto di spedizioni danneggiate, pacchi rovinati e lamentele in generale riguardo i prodotti spediti da un’azienda? Zero.
Abbiamo creato Piantando con un’idea semplice: una pianta che fa del bene al pianeta. E pensavamo che anche tutto il resto sarebbe stato semplice, con un’idea così.
Ma se gestire progetti nel mondo è complesso, lavorare 24h al giorno è complesso, spedire una piantina viva in un vaso di ceramica è di sicuro una delle cose più difficili che abbiamo dovuto affrontare.

Prime 10 piantine spedite, due vasi rotti.
Altre 30 piante spedite, 4 vasi rotti.
Le successive 200 piante spedite, 8 vasi rotti.
Le altre 500 piante spedite, 7 vasi rotti!

Abbiamo lavorato giorno e notte per capire come spedire qualcosa di così delicato e, giorno dopo giorno, coccio dopo coccio, siamo arrivati ad una percentuale di problematiche non solo accettabile, ma facilmente risolvibile.
Cosa è successo? Pura statistica? Assolutamente no.
In questa progressione, in questo miglioramento, c’è stato il dispiacere di qualcuno che ha ricevuto una piantina di Piantando frantumata e il nostro lavoro per migliorare.

Le abbiamo immaginate, le vostre espressioni deluse mentre aprivate una confezione rovinata, schiacciata, ammaccata. Ci siamo dispiaciuti, abbiamo avuto il colpo al cuore ad ogni messaggio col timore che potesse essere un vaso arrivato rotto; questo ci ha spinto a creare dei sistemi di imballaggio super sicuri, a prova di “lancio dalle scale”.

Ma abbiamo lavorato ogni giorno per far sì che il simbolo dell’impegno arrivasse sano e salvo, riuscendoci.
Perché oltre la piantina grassa c’è un mondo: un gesto di affetto che tu hai voluto fare a qualcuno a cui tieni molto, un progetto che hai deciso di prendere a cuore, un albero nativo in più che regala ossigeno al Pianeta, cure mediche, acqua potabile.
Insomma, dovevamo trovare un modo per evitare che una crepa in un vaso potesse annullare tutta la felicità che si prova a fare del bene e a prendersi cura del pianeta e delle persone.

Dopo un momento di sano e umile autocompiacimento per aver imboccato finalmente la strada giusta ci siamo però fermati a riflettere: se non ci fossero stati quei 10 vasetti, saremmo riusciti ad arrivare a questo risultato?

Ci spieghiamo meglio: non sbagliando mai, saremmo riusciti a imparare la lezione?
L’errore è una colonna portante di tutte le startup, impossibile non farne ma bisogna essere attenti nella loro veloce risoluzione: abbiamo migliorato il sistema delle spedizioni, abbiamo corretto testi nel sito per renderli più immediati, lavoriamo per rendere ogni progetto il più aperto e serio possibile, abbiamo imparato a parlare davanti a pubblici entusiasti e scettici, e raccolto dubbi e critiche dai nostri amici e clienti per migliorare il prodotto e il progetto.

Credere nella propria azienda ti sprona ad alzarti tutti i giorni e andare avanti, ma gli errori ti aiutano anche a guardare il percorso tracciato e migliorarlo per prendere deviazioni, chiudere porte, fermarsi per un pit stop e dirti “Ok, questo va ripensato”.
Non ce le siamo dimenticate quelle foto dei vasi in frantumi, anzi.
Ogni tanto le guardiamo per aver sempre la grinta giusta e chiederci “questo come possiamo migliorarlo ulteriormente?”.

Abbiamo preso i cocci dei nostri errori e li abbiamo resi un contenitore di nuove idee che germogliano.
Abbiamo un vasetto rotto nel nostro ufficio, è il nostro faro nella buia strada di chi vuole fare qualcosa di nuovo, per il pianeta, per le persone.

Piantando è una startup che permette a persone come te di sostenere progetti di impatto ambientale e sociale in modo concreto, certificato e trasparente.
Come? Semplicemente acquistando una piantina da tenere a casa, in ufficio o da regalare ad una persona speciale.

Non è una semplice piantina, è il simbolo del tuo impegno.

Haworthia

39,90

Leggi anche:

Discariche a mare aperto

Discariche a mare aperto

Nel 2050 ci sarà più plastica che pesci nei nostri mari. Ma c’è qualcuno che vuole cambiare questa tendenza.Dicono che le migliori invenzioni...

leggi tutto

* Registrandoti accetti l’utilizzo dei tuoi dati in conformità con la nostra privacy policy.